Via delle Repubbliche Marinare, 495 - 80146 Napoli

+39 333 19 47 001

SALUTE ORALE E GRAVIDANZA

SALUTE ORALE E GRAVIDANZA 

Durante la gravidanza avvengono, nel corpo della donna, vari cambiamenti fisiologici e ormonali. Anche la bocca è sede di importanti cambiamenti.
Le modificazioni delle abitudini alimentari e dell’igiene orale, l’iperemesi gravidica mattutina (vomito) e il reflusso esofageo possono provocare la demineralizzazione dei tessuti dentali, con erosioni dello smalto e aumento del rischio di carie, se non vengono pianificati opportuni interventi preventivi.
Inoltre, a causa delle modificazioni ormonali, l’infiammazione delle gengive tende ad aumentare durante la gravidanza. E’ frequente, nelle donne in gravidanza, l’insorgenza o l’aggravamento di patologie dei tessuti parodontali, quali gengivite gravidica, epulide gravidica (gonfiore localizzato) o parodontite.

Gengivite gravidica

La gengivite gravidica non comporta di solito danni irreversibili al parodonto (tessuti ossei, connettivi e gengivali che circondano e sostengono i denti) e l’infiammazione normalmente scompare nei mesi successivi al parto; l’importante in questo caso è avere una buona igiene orale e tenere d’occhio la situazione con controlli periodici dal dentista.

Epulidi gravidiche

Sono un accrescimento localizzato della gengiva. Se non provocano sostanziali problemi funzionali o estetici, non dovrebbero essere rimosse durante la gravidanza. Le probabilità si una regressione spontanea dopo il parto sono alte.

Parodontite

E’ un potenziale fattore di rischio per esiti sfavorevoli della gravidanza e per il diabete mellito gravidico.
Il ruolo principale del dentista durante la gravidanza è quello di migliorare la salute parodontale e generale della donna incinta.
Alle donne che prevedono una gravidanza si consiglia una visita dal loro dentista per un controllo della salute della bocca in generale e parodontale in particolare. In caso di gestazione il momento ideale per intervenire è il II trimestre.

La ricerca purtroppo ha identificato che esistono associazioni tra la malattia parodontale ed esito sfavorevole della gravidanza:

 

    • sottopeso del neonato
    • nascita pre-termine
    • pre-eclampsia (alta pressione sanguigna materna e sensibile proteinuria, cioè presenza in eccesso di proteine nelle urine)
    • diabete gravidico.

 

Gli studi clinici suggeriscono che batteri provenienti dalla bocca possano colonizzare il feto e la placenta, portati probabilmente dalla corrente sanguigna.

Il controllo delle malattie orali, come carie e parodontite, può migliorare significativamente la qualità della vita della futura mamma ed ha il potenziale di ridurre la trasmissione dei batteri orali da madre a figlio. Allo stesso modo, una bocca trascurata e infiammata ha un’altissima probabilità di trasmettere numerosi batteri al nascituro.

Batteri specifici associati alla parodontite sono stati anche associati a esiti negativi della gravidanza, ma ancora si conosce poco sul loro preciso ruolo.

Riassumendo

Se avete in programma di diventare mamme recatevi dal vostro dentista per un controllo preventivo. Se siete già in dolce attesa, non temete, potete comunque andare dal vostro dentista e fare prevenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *