Via delle Repubbliche Marinare, 495 - 80146 Napoli

+39 333 19 47 001

Tecniche di Sbiancamento

Esistono diverse tecniche di sbiancamento, che si dividono in domiciliari e professionali che si effettuano allo studio.
In entrambi i casi la molecola che viene utilizzata è a base di Ossigeno e può essere Perossido di Carbammide o Perossido di Idrogeno.

Il Domiciliare consiste nel costruire una mascherina in silicone morbida ultrasottile personalizzata sulla forma dei denti  del paziente, all’interno della quale il paziente applicherà il prodotto sbiancante a casa o in ufficio o quando gli viene più comodo per un tempo che va dalle 4h alle 6h. In questo caso si utilizza un perossido a bassa concentrazione (10%) che permette di sbiancare i denti per un numero di giorni maggiore, dando così un risultato più uniforme e più  stabile nel tempo. Inoltre con questa tecnica si limitando gli effetti collaterali come l’ipersensibilità dentinale.

Vantaggi:

  • lo si può fare ovunque
  • più conservativo nei confronti dei denti
  • più stabile nel tempo grazie al maggior numero di applicazioni
  • assenza di ulcere
  • l’ipersensibilità se appare si risolve molto velocemente
  • le mascherine possono essere riutilizzate anche le volte successive a distanza di anni, eliminando un costo.

Svantaggi:

  • l’impegno quotidiano nell’applicare il prodotto.

Il Professionale si esegue esclusivamente nello studio. Consiste nell’ applicare sulla superficie esterna dei denti da sbiancare un prodotto ad alta percentuale di ossigeno (35%) per una durata che varia tra i 20’ e 60’ minuti in un’ unica seduta.

Vantaggi:

  • poche brevi sedute.
  • risultato raggiungibile più velocemente.
  • si puo interrompere in qualsiasi momento.

Svantaggi:

  • Fenomeni transitori di ipersensibilità dentale.
  • Effetto cromatico non perfetto alla prima seduta.
  • Rischio di ulcere alla gengiva se il prodotto finisce accidentalmente a contatto.
  • Stare seduti fermi dai 20’ ai 60’ senza muoversi.

 

Entrambi sono scientificamente validati ed efficaci. Presentano entrambi dei vantaggi e dei svantaggi. L’ideale è capire quali sono le esigenze e le abitudini del paziente per studiare la soluzione migliore.

 

Professionale dente singolo o dente scuro

Può succedere che in seguito ad un trauma oppure in seguito ad una devitalizzazione (terapia canalare) un dente diventi decisamente più scuro di tutti gli altri.

La prima cosa da fare è capire se il dente è vitale oppure no.

Se Vitale:
si procede ad un intenso sbiancamento esterno. Se non dovesse sortire l’effetto sperato sarà opportuno procede a ricoprire il dente con una faccetta in ceramica.

Se non Vitale:
il dente richiede prima una terapia endodontica (devitalizzazione). Successivamente si esegue uno sbiancamento interno. Consiste semplicemente nell’applicare all’interno del dente una soluzione a base di perossido di idrogeno ad altra concentrazione e richiudere il dente, richiede circa 10’ per ogni applicazione. Tale operazione va ripetuta ogni 5/7gg finchè non si raggiunge il massimo del risultato. Poiché lo sbiancamento avviene costantemente durante la vita quotidiana del pazienti gli anglosassoni lo hanno chiamato “Walking bleach technique”.