Via delle Repubbliche Marinare, 495
80146 Napoli

info@leonardomiceli.it

+39 333 19 47 001

Macchinetta per i denti, cosa sapere

Dr. Leonardo Miceli

Dr. Leonardo Miceli

Direttore Sanitario Dello Studio

Tabella dei Contenuti

L’adolescenza talvolta si rivela essere la peggior fase nella vita dei ragazzi, e tra le cause principali di certo troviamo l’essere costretti ad indossare le così dette “macchinette”, apparecchi ortodontici color argento che, pur migliorando nettamente il nostro sorriso e la nostra salute futura, ci fa sentire in quel momento davvero a disagio con i nostri amici e parenti.

In età più matura c’è addirittura chi sceglie autonomamente di indossarlo per anni, ma di certo quando si è giovani e pieni di vitalità l’ultima cosa che vorremmo è proprio essere costretti ad avere quell’orribile sensazione ferrosa nella nostra bocca, che ci costringe a lavarci i denti più volte al giorno con il rischio che qualche rimasuglio di cibo rimanga proprio lì tra le “stelline”.

In questo articolo troverai risposta a quelle che sono le domande più frequenti su questo tipo di terapia ortodontica, fastidiosa e forse poco estetica ma tanto, tanto utile sotto tantissimi punti di vista.



Qual è l’eta giusta per mettere l’apparecchio ai denti?

Di sicuro l’età più giusta per apportare delle modifiche funzionali al nostro organismo è durante l’infanzia e l’inizio dell’adolescenza.

Tuttavia, per alcune tipologie di apparecchi ortodontici non c’è una deadline vera e propria, perciò, seppur adulti, possiamo sempre sperare di migliorare il nostro sorriso.



Le tipologie di macchinette per i denti

Generalmente, le tipologie di apparecchi per i denti sono tre:

  • fisso: il classico filo color argento passante per delle placchette metalliche (anche trasparenti) attaccate ai nostri denti tramite una resina specifica, assolutamente innocua per il nostro smalto;
  • mobile: ormai non tanto più usato come un tempo. Si tratta di quella macchinetta rimovibile durante i pasti formata dal filo metallico nella parte visibile della nostra bocca ed una parte in resina aderente al nostro palato;
  • trasparente: tipologia di apparecchio ad oggi più in voga fra giovanissimi e non. Un apparecchio rimovibile durante i pasti che non presenta nessuna parte aderente al nostro palato e, rivestendo completamente le nostre due arcate dentali raddrizza i nostri denti senza nemmeno farci parlare in modo strano o facendoci sembrare goffi, una svolta!

Quanto tempo ci vuole per raddrizzare i denti?

A questa domanda, purtroppo, non possiamo offrirti risposta. La durata di una terapia ortodontica varia per tantissimi fattori. Potremmo avere una situazione più grave di un’altra, o potremmo aver bisogno soltanto di pochi mesi di terapia. Insomma, mettere l’apparecchio non è di certo uguale per tutti noi, ci si deve recare dal dentista ed effettuare tutti i controlli necessari, affinchè il nostro piano di cura sia personalizzato al 100% su di noi e ci garantisca i risultati migliori per la nostra specifica condizione.

Non dimenticare poi, che non tutti i problemi odontoiatrici di un sorriso non proprio perfetto possono essere risolti tramite l’ortodonzia classica. A volte è necessaria la chirurgia ed il successivo mantenimento. Di certo in tuo dentista saprà valutare la scelta migliore per te. 

Quanto costa mettere la macchinetta ai denti?

Come per il paragrafo precedente, pretendere una fascia di prezzo che poi si rispecchi nella realtà è impossibile. I prezzi di una terapia ortodontica variano in base alla gravità del caso, alla durata del percorso e al tipo di ortodonzia che si effettuerà.

Una forbice di prezzo molto, molto ampia potrebbe guidarti verso la consapevolezza di ciò che ti verrà poi proposto. Un apparecchio ai denti può infatti costare dai minimo 1.000, 2.000 euro fino ai 10.000 euro o anche più.

Però non temere: il tuo dentista di fiducia ti metterà di certo al corrente di possibili sconti, dilazioni di pagamento o piani di cura equivalenti e certamente più economici.

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn